domenica 12 agosto 2012

Cari formattatori, ve lo do io il voto: 2-

Questa storia della pagellina ai “big” del PDL proprio non mi è piaciuta.
Non mi è piaciuta nella forma perché è da saccentelli prepotenti.
Non mi è piaciuta nella sostanza perché è l’ennesima captatio benevolentiae trasformata in finto gesto rivoluzionario.
Quando Alfano era il candidato premier erano tutti carini e gentili con Alfano e beffardi ribelli contro tutta la classe dirigente, Verdini e Berlusconi in testa. Adesso che è cambiato il vento bocciano Alfano e promuovono Berlusconi e Verdini.
Molti dicevano che questa storia dei formattatori era solo un modo per mettersi in mostra per farsi cooptare, un altro schiaffo al merito. Io non ci volevo credere, alcuni di loro li conosco e sono anche bravini. Con queste pagelle però mi devo ricredere.
Il centrodestra in questo momento necessita di umità ad ogni livello. Non solo nella toponomastica della sede a Roma. Se è vero che Berlusconi ancora oggi nonostante tutto è l’uomo che ci porta più voti, soprattutto noi della “nuova” generazione ci dobbiamo porre qualche domanda più che dare pagelle on line. Iniziamo a consumarci anche la suola delle scarpe nelle periferie oltre che i polpastrelli sui tablet, come hanno fatto per decenni i dirigenti che voi bocciate, e forse qualche voto in più arriverà al centrodestra.