giovedì 4 ottobre 2012

Italia2030

Era l'autunno 2003 quando lanciammo dalle colonne della rivista on line sfida.org la suggestione di Destra2015.

Un manifesto semplice e chiaro che guardava ben oltre i confini dell'allora Alleanza Nazionale.
Scrivevamo: "Non vogliamo che il Partito sia il sacrario delle nostre idee. I Valori in cui crediamo necessitano per il futuro di un soggetto politico nuovo e non rinnovato, occidentale, sempre e comunque militante, moderno, aperto alla società, alla guida dei cambiamenti, capace di rappresentare in una Italia e in una Europa bipolari, TUTTI coloro che credono nella Libertà, nella Sovranità Popolare, nella famiglia, nella sacralità della Vita, nella spiritualità, nella sicurezza e nella eticità del lavoro".

Sono passati 8 anni. Il centrodestra ha perso il Governo dell'Italia, riconquistato e perso nuovamente la guida della Nazione senza passare dalle elezioni.
Siamo ad un passo dal 2015 e la destra si interroga sulla porpria esistenza nel futuro.

E' arrivato il momento di rilanciare. Siamo cresciuti, anagraficamente e politicamente. Adesso tocca a noi pensare all'Italia2030.

Mentre molti si interrogano sul proprio destino politico tra 8 mesi, noi ci vogliamo interrogare sul destino dell'Italia tra 18 anni.

Basta con la tattica della sopravvivenza, degli elenchini con le proiezioni del numero dei parlamentari, con le mezze riforme e con gli occhi bassi che cercano solo di evitare il fango. Amiamo la Politica perchè vogliamo rilanciare l'Italia e pre-occuparci che la terra dei padri possa esser la terra dei figli, che chi oggi nasce tra 18 anni trovi nel proprio percorso i risultati del nostro impegno e non i rifiuiti scaricati dalla nostra miope e incapace ingordigia.

Italia2030 perchè 18 anni dopo il 1994 è necessario pensare meno a noi e più all'Italia dei prossimi 18 anni.

Che Italia vogliamo nel 2030? Dobbiamo immaginare e riprogettare la sovranità nazionale, l'Europa, il lavoro, l'economia, il commercio, le città, la sicurezza, i servizi e le comunicazioni per il 2030 alla luce della declinazione dei valori eterni.

Coalizioni, leggi elettorali, accordi, partiti, ambizioni e destini personali saranno visti da noi solo come pietre utili a essere calpestate nella strada verso l'Italia del 2030.

La sfida è aperta: disegniamo insieme lTALIA2030

Per suggerimenti, idee e disponibilità di volontariato scrivimi