mercoledì 25 febbraio 2015

“Breda ai giapponesi, così la Toscana perde un altro gioiello”

"BREDA AI GIAPPONESI, COSI' LA TOSCANA PERDE UN ALTRO GIOIELLO"
FdI: "Vergonoso che aziende nevralgiche finiscano in mani straniere,
il rischio è che facciano gli interessi del Paese di origine e delocalizzino"

Pistoia, 25 febbraio 2015

"Vergognoso che la Toscana abbia perso così un altro dei suoi gioielli, dopo quanto accaduto ad altre aziende nevralgiche come gli aeroporti e le acciaierie di Piombino. A prescindere da tutto, non è solo una questione di patriottismo imprenditoriale, che pure non manca, ma il rischio è che i nuovi proprietari facciano gli interessi dei Paesi da cui provengono. Il pericolo di una delocalizzazione della produzione è sempre presente, e quei politici che oggi gioiscono dovrebbero rendersi conto che stanno contribuendo all'indebolimento delle imprese italiane a livello globale". E' quanto commenta il capogruppo regionale di Fratelli d'Italia e candidato governatore Giovanni Donzelli, insieme ai consiglieri Marina Staccioli e Paolo Marcheschi, dopo il passaggio di proprietà dell'Ansaldo Breda al gruppo giapponese Hitachi: "Pensiamo al caso Lucchini, quando abbiamo tirato un sospiro di sollievo per la salvaguardia dei posti di lavoro. In questo caso però – conclude il gruppo – esistono garanzie occupazionali solo per i prossimi tre anni, che dunque tutelano solo chi è vicino alla pensione. Gli altri dipendenti sono carne da macello. Inoltre non c'è al momento alcuna garanzia di tutela per l'indotto economico che ruota intorno all'Ansaldo Breda".

Ufficio stampa Gruppo regionale FdI
Marco Gemelli 338.5624777