mercoledì 8 aprile 2015

A Prato case gratis: una vergogna il regalo del Comune a rom e sinti.

Arriva l'ultimatum dopo lo stanziamento di 680mila euro ai nomadi: quegli alloggi vadano prima ai pratesi. La delibera parla chiaro sui veri destinatari degli appartamenti; Faggi riscriva quel documento. Gli appartamenti che il Comune di Prato vuole ristrutturare coi soldi della Regione a favore principalmente di Rom e Sinti devono essere assegnati prima ai cittadini pratesi che ne hanno bisogno.

Siamo pronti a fare le barricate affinché l'amministrazione cambi il testo di quella delibera, che così com'è stata scritta suona come uno schiaffo ai tanti pratesi che vivono in situazione d'indigenza, pagano le tasse e continuano a essere dimenticati dal Comune. All'amministrazione pratese concediamo 24 ore di tempo per cambiare il testo di quella vergognosa delibera, che grida vendetta davanti alla dignitosa povertà di tanti cittadini pratesi. Altrimenti Venerdì mattina daremo vita a iniziative eclatanti per difendere i diritti degli italiani. La delibera di giunta 67 del 31 marzo 2015 parla chiaro: il Comune di Prato intende ristrutturare un'antica casa colonica per un intervento di edilizia abitativa in favore di famiglie Rom, Sinti e Camminanti. Uno schiaffo inaccettabile al buon senso. Faggi abbia il coraggio di non rinnegare spudoratamente ciò che ha firmato e cambi quella delibera.

Qui sotto la delibera della Giunta Comunale di Prato: