mercoledì 10 giugno 2015

Rossi ha preso soldi dalle coop inquisite. Fermiamo anche 'Mafia Regionale'

Una legge per stroncare il legame fra cooperative e potere in Toscana. E' il primo atto assoluto della nuova consiliatura dopo le elezioni del 31 maggio. Un'iniziativa che prende spunto dagli scandali emersi dall'inchiesta "Mafia Capitale", ma non solo: in questi giorni emergono inchieste che hanno visto coinvolte anche alcune realtà che operano in Toscana. Non possiamo più aspettare. La Toscana deve fare chiarezza immediata e sgomberare il campo dalle ambiguità: proponiamo una normativa semplice e trasparente, che impedisca alle cooperative, o a chi ricopre incarichi nelle stesse, di finanziare soggetti riconducibili alla politica, dai partiti, ai candidati, fino, ad esempio, alle fondazioni, i giornali o le feste di partito.

Ho spulciato l'ultimo resoconto (2010) sulle spese elettorali del governatore rieletto Enrico Rossi: fra i suoi finanziatori figurarono, ad esempio, Manutencoop la cui sede è stata perquisita la settimana scorsa proprio nell'ambito di 'Mafia capitale' (la stessa Manutencoop ha ottenuto diversi appalti in affidamento diretto da Estav, Asl e Società della Salute). Oppure Cpl Concordia, coinvolta nell'inchiesta sull'affidamento dei metanodotti, ma anche affidataria di commesse sanitarie in Toscana. E' poco trasparente e pericoloso permettere a questi soggetti, che attingono dagli enti pubblici la linfa per vivere attraverso gli appalti, di finanziare la politica, magari sperando che queste risorse 'rientrino' sotto forma di commessa pagata però con i soldi pubblici.

Non possiamo aspettare che siano le coop, come ha già annunciato ad esempio Cpl Concordia, a decidere di tirarsi indietro nel finanziamento alla politica, crediamo che una legge di questo genere sgombererebbe il campo da ogni dubbio, anche visti i particolari regimi fiscali di cui godono queste società. Una normativa del genere è nell'interesse di tutti i cittadini toscani, all'insegna della trasparenza.




ANSA:

Mafia Roma: Fdi, pdl per no finanziamenti coop da politica

2015-06-10 15:11:00

  
ZCZC4799/SXR
OFI64485_SXR_QBXX
R POL S57 QBXX
Mafia Roma: Fdi, pdl per no finanziamenti coop da politica
Proposta legge sarà depositata in Consiglio regionale Toscana
   (ANSA) - FIRENZE, 10 GIU - Impedire alle cooperative, o a chi
ricopre incarichi in esse, di finanziare politici, partiti e
candidati, ma anche giornali o feste di partito. Questo
l'obiettivo di una proposta di legge annunciata oggi dal
capogruppo Fdi in Consiglio regionale Giovanni Donzelli, che
sarà depositata in occasione della prima seduta della nuova
legislatura consiliare. Il provvedimento, ha spiegato Donzelli,
prende spunto dagli scandali di 'Mafia capitale', perché "in
Toscana ci sono cooperative che finanziano i politici e poi
prendono finanziamenti pubblici da quegli esponenti politici,
per svolgere il lavoro. Quindi, è un intreccio bruttissimo che
deve essere fermato. Presentiamo una proposta di legge per
stabilire un principio semplicissimo che finora non è stato
applicato". Secondo Donzelli, dal resoconto delle precedenti
spese elettorali sostenute dal governatore Enrico Rossi nel
2010, "emerge che è stato finanziato da delle cooperative che
poi hanno ricevuto dei finanziamenti dalla Regione e hanno vinto
dei bandi, in alcuni casi anche dubbi. Alcuni di questi bandi
sono stati infatti sospesi in auto-tutela, anche in seguito ai
nostri interventi". L'esponente Fdi sottolinea di guardare alle
cooperative perché "hanno delle agevolazioni fiscali e una
normativa particolare, perché prevedono di non avere utili, di
utilizzare il denaro che ricevono da enti pubblici per scopi
sociali, per la mutualità, per distribuirli ai soci, ai
lavoratori, ai soggetti svantaggiati. Quindi non capiamo nei
loro bilanci come possano avanzare soldi per finanziare politici
o partiti politici. Un privato, nella sua azienda con i propri
utili fa ciò che vuole".(ANSA).

     Y7G
10-GIU-15 15:10 NNN



ADNKRONOS:

TOSCANA: DONZELLI (FDI), LEGGE PER STRONCARE IL LEGAME FRA COOP E POTERE (2)

2015-06-10 15:53:00

  
ZCZC
ADN0713 7 CRO 0 ADN CRO NAZ RTO RTO

      TOSCANA: DONZELLI (FDI), LEGGE PER STRONCARE IL LEGAME FRA COOP E POTERE =
      "Basta appalti a chi finanzia la politica"

      Firenze, 10 giu. - (AdnKronos) - "Una legge per stroncare il legame 
fra cooperative e potere in Toscana". A presentarla, come primo atto 
assoluto della nuova consiliatura dopo le elezioni del 31 maggio, è il
capogruppo di Fratelli d'Italia e rieletto in Regione Giovanni 
Donzelli.

      Un'iniziativa che prende spunto dagli scandali emersi dall'inchiesta 
"Mafia Capitale", ma non solo: "In questi giorni emergono inchieste 
che hanno visto coinvolte anche alcune realtà che operano in Toscana -
spiega Donzelli - non possiamo più aspettare. La Toscana deve fare 
chiarezza immediata e sgomberare il campo dalle ambiguità: proponiamo 
una normativa semplice e trasparente, che impedisca alle cooperative, 
o a chi ricopre incarichi nelle stesse, di finanziare soggetti 
riconducibili alla politica, dai partiti, ai candidati, fino, ad 
esempio, alle fondazioni, i giornali o le feste di partito".

      Donzelli prende spunto dall'ultimo resoconto (2010) sulle spese 
elettorali del governatore rieletto Enrico Rossi: "Fra i suoi 
finanziatori figurarono, ad esempio, Manutencoop - aggiunge il 
capogruppo di Fratelli d'Italia - la cui sede è stata perquisita la 
settimana scorsa proprio nell'ambito di 'Mafia capitale'. La stessa 
Manutencoop ha ottenuto diversi appalti in affidamento diretto da 
Estav, Asl e Società della Salute. Oppure Cpl Concordia, coinvolta 
nell'inchiesta sull'affidamento dei metanodotti, ma anche affidataria 
di commesse sanitarie in Toscana. E' poco trasparente e pericoloso 
permettere a questi soggetti, che attingono dagli enti pubblici la 
linfa per vivere attraverso gli appalti, di finanziare la politica, 
magari sperando che queste risorse 'rientrino' sotto forma di commessa
pagata però con i soldi pubblici". (segue)

      (Red-Xio/AdnKronos)
10-GIU-15 15:53

NNNN

ZCZC
ADN0714 7 CRO 0 ADN CRO NAZ RTO RTO

      TOSCANA: DONZELLI (FDI), LEGGE PER STRONCARE IL LEGAME FRA COOP E POTERE (2) =

      (AdnKronos) - "Non possiamo aspettare che siano le coop, come ha già 
annunciato ad esempio Cpl Concordia, a decidere di tirarsi indietro 
nel finanziamento alla politica - prosegue Donzelli - crediamo che una
legge di questo genere sgombererebbe il campo da ogni dubbio, anche 
visti i particolari regimi fiscali di cui godono queste società. Una 
normativa del genere è nell'interesse di tutti i cittadini toscani, 
all'insegna della trasparenza".

      (Red-Xio/AdnKronos)
10-GIU-15 15:53

NNNN


ASCA:

Toscana, proposta legge FdI contro "legami" coop-politica

2015-06-10 16:45:00

  
Toscana, proposta legge FdI contro "legami" coop-politica
ZCZC
TM News
PN_20150610_00881
4 cro gn00 rg17 XFLA

Toscana, proposta legge FdI contro "legami" coop-politica
A presentarla il capogruppo Giovanni Donzelli

Firenze, 10 giu. (askanews) - Una proposta di legge regionale per
eliminare il "legame" fra cooperative e politica in Toscana.
A presentarla, come primo atto assoluto della nuova consiliatura
dopo le elezioni del 31 maggio, è il capogruppo di Fratelli
d'Italia e rieletto in Regione Giovanni Donzelli.
Un'iniziativa che prende spunto dagli scandali emersi
dall'inchiesta "Mafia Capitale", ma non solo: "In questi giorni
emergono inchieste che hanno visto coinvolte anche alcune realtà
che operano in Toscana - spiega Donzelli - non possiamo più
aspettare. La Toscana deve fare chiarezza immediata e sgomberare
il campo dalle ambiguità: proponiamo una normativa semplice e
trasparente, che impedisca alle cooperative, o a chi ricopre
incarichi nelle stesse, di finanziare soggetti riconducibili alla
politica, dai partiti, ai candidati, fino, ad esempio, alle
fondazioni, i giornali o le feste di partito".
Donzelli prende spunto dall'ultimo resoconto (2010) sulle spese
elettorali del governatore rieletto Enrico Rossi: "Fra i suoi
finanziatori figurarono, ad esempio, Manutencoop - aggiunge il
capogruppo di Fratelli d'Italia - la cui sede è stata perquisita
la settimana scorsa proprio nell'ambito di 'Mafia capitale'. La
stessa Manutencoop ha ottenuto diversi appalti in affidamento
diretto da Estav, Asl e Società della Salute. Oppure Cpl
Concordia, coinvolta nell'inchiesta sull'affidamento dei
metanodotti, ma anche affidataria di commesse sanitarie in
Toscana. E' poco trasparente e pericoloso permettere a questi
soggetti, che attingono dagli enti pubblici la linfa per vivere
attraverso gli appalti, di finanziare la politica, magari
sperando che queste risorse 'rientrino' sotto forma di commessa
pagata però con i soldi pubblici".

Afe

10-giu-15 16.45
NNNN


DIRE:

(TOS) REGIONE. FDI: NIENTE APPALTI A COOP CHE FINANZIANO POLITICI -2-DIRE

2015-06-10 14:48:00

  
ZCZC
DIR0271 3 REG  0 RR1 / FIR  

(TOS) REGIONE. FDI: NIENTE APPALTI A COOP CHE FINANZIANO POLITICI
DONZELLI RICORDA FONDI MANUTENCOOP-CPL A ROSSI: "C'È CONFLITTO"

(DIRE) Firenze, 10 giu. - Sugli intrecci fra cooperative e
politica il consigliere regionale di Fratelli d'Italia, Giovanni
Donzelli presenta una proposta di legge per stabilire
un'incompatibilita' fra l'accesso a contributi, incarichi,
finanziamenti elargiti dalla Regione e la possibilita' di
corrispondere anche attraverso i propri rappresentanti sociali,
dei contributi a esponenti politici, partiti, fondazioni,
giornali, riviste o movimenti. L'ha annunciato lo stesso Donzelli
oggi in una conferenza stampa, partendo dalle inchieste
giudiziarie sulla metanizzazione di Ischia e su Mafia Capitale.
Nella prima e' coinvolta Cpl Concordia; nella seconda per ora
c'e' stata una perquisizione senza altre conseguenze a
Manutencoop. Entrambe le cooperative nelle elezioni del 2010-
sottolinea Donzelli- hanno accordato finanziamenti alla campagna
elettorale di Enrico Rossi per la sua elezione a governatore. 
   "In Regione Toscana ci sono cooperative che finanziano i
politici eppoi prendono finanziamenti pubblici da quegli
esponenti politici per svolgere il lavoro- e' il punto cruciale,
secondo Donzelli-. Quindi, e' un intreccio bruttissimo che deve
essere fermato. Noi presentiamo una proposta di legge- la
depositeremo quando il Consiglio sara' insediato- con cui si
stabilisce un principio semplicissimo: che le cooperative che
usano il denaro pubblico non possono finanziare esponenti
politici. Che siano di maggioranza o di opposizione. E' un
principio semplice che pero' finora non e' stato applicato".
(SEGUE)
  (Cap/ Dire)
14:47 10-06-15

NNNN

ZCZC
DIR0272 3 REG  0 RR1 / FIR  

(TOS) REGIONE. FDI: NIENTE APPALTI A COOP CHE FINANZIANO POLITICI -2-


(DIRE) Firenze, 10 giu. - Per il consigliere meloniano deve
essere fatto fermo un valore di fondo, che rende le cooperative
molto piu' esposte con la pubblica amministrazione di una
qualsiasi altra impresa: "Loro hanno delle agevolazioni fiscali e
una normativa particolare, proprio perche' prevedono di non avere
utili e di utilizzare il denaro che ricevono da enti pubblici per
scopi sociali, per la mutualita', per distribuirli ai soci, ai
lavoratori, ai soggetti svantaggiati. Quindi- ha aggiunto-, non
capiamo come nei loro bilanci possano avanzare soldi per
finanziare politici o partiti. Un'azienda, invece, con i propri
utili fa cio' che vuole". 
   Poi, Donzelli lancia l'affondo al rieletto presidente Rossi:
"Ricordo che nella sua campagna elettorale del 2010 in chiaro e'
stato finanziato da cooperative, che poi hanno ricevuto dei
finanziamenti dalla Regione e hanno vinto dei bandi, in alcuni
casi anche dubbi. Dei bandi- ha proseguito-, che sono stati
sospesi in auto-tutela, in seguito ai nostri interventi".
  (Cap/ Dire)
14:47 10-06-15

NNNN