lunedì 13 luglio 2015

Maltrattamenti clinica a Prato: ex sindaco ds nel cda della coop che gestiva il personale


Venerdì scorso è stata aperta un'indagine sui maltrattamenti verso gli anziani nella struttura di Narnali a Prato, che ha visto porre sotto indagine 17 persone tra infermieri e operatori sanitari, nove dei quali sono stati sospesi.


Parte del personale coinvolto nell'inchiesta riguardo ai maltrattamenti nella clinica di Narnali a Prato è del consorzio Astir, la cui vice-presidente è Fiorella Alunni, ex sindaco Ds di Campi Bisenzio. L'azienda sanitaria spieghi con quali criteri si è deciso di affidare le commesse a quella cooperativa. Il Pd affida gli appalti agli amici e poi non se ne prende le responsabilità.


Gli appalti in questa regione sono una vera e propria emergenza e raccontano di un sistema marcio fino a ricadere sulla pelle degli anziani e delle loro famiglie. Negare ora che ci siano delle responsabilità politiche nelle azioni che hanno portato ai maltrattamenti ai danni degli anziani nella struttura sanitaria di Narnali a Prato significa avere gli occhi ricoperti di prosciutto, oppure non valutare con onestà i problemi di cui si tratta.
Ricordiamo che durante il mandato di Fiorella Alunni a Campi Bisenzio scoppiò uno scandalo urbanistico che vide coinvolti diversi esponenti della politica e dell'imprenditoria locali. Fra le vicende finite sotto inchiesta ci furono anche progetti affidati ad alcune cooperative. Sarà forse un caso anche che di quella amministrazione il vicesindaco era Stefania Saccardi (poi dimissionaria), attuale assessore alle politiche sanitarie della Regione Toscana?
Sul caso ho anche presentato oggi una interrogazione, nella quale chiedo chiarimenti sui criteri con i quali si affidano gli appalti del personale nelle strutture sanitarie e quali siano i controlli effettuati per dare garanzie alle famiglie che hanno una persona ricoverata in una struttura per anziani.
Il Pd la smetta di giocare a Monopoli con gli appalti e pensi al benessere dei cittadini; vogliamo che in questa vicenda si vada fino in fondo e si accertino tutte le responsabilità.