lunedì 24 agosto 2015

L'unione più civile è la famiglia tradizionale. Renzi distrae dalle vere emergenze del Paese

Non si mascheri dietro una giusta lotta alle discriminazioni l'allargamento del 'favor familiae' a qualsiasi tipo di convivenza. La legge sulle unioni civili in Italia, che sembra più uno strumento utilizzato da Renzi per distogliere l’attenzione sulle vere emergenze del Paese, non può essere una scusa per destrutturare la cellula base della società o addirittura per arrivare poi a normare affitti di uteri o adozioni da parte di coppie gay: l’unione più civile è e resta la famiglia tradizionale.
Il ruolo di ammortizzatore sociale svolto dalla famiglia costituisce un risparmio anche economico insostituibile per lo Stato.
Lo Stato deve impedire che sia riconosciuto per legge quello che è impossibile in natura, solo per accontentare i capricci delle lobby gay. Chi lo farà negherà di fatto il diritto di un bambino di avere un padre e una madre e troverà di fronte le nostre barricate.