martedì 23 febbraio 2016

Pistoia: istituto Petrocchi, intervenga la Regione: soluzione via Mabellini

Ieri ho fatto un sopralluogo nei locali dell'istituto Petrocchi, in piazzetta San Pietro, a Pistoia.
Costretti a studiare fra l'odore di fogna, in precarie condizioni igienico-sanitarie e di sicurezza, in locali che cadono a pezzi e frequentati dai topi. La Regione deve intervenire urgentemente presso la Provincia di Pistoia per trovare una nuova sede agli studenti dell'istituto statale d'arte Petrocchi.
E' quanto ho chiesto in una mozione presentata in Consiglio regionale.
E' inammissibile che i ragazzi siano costretti a frequentare la scuola in queste condizioni, oggi la situazione è peggiorata notevolmente dopo anni totale incuria e mancanza da parte degli enti competenti nella manutenzione ordinaria e straordinaria.
Una delle soluzioni praticabili è quella di utilizzare l'attuale sede attuale dell’Ufficio scolastico regionale per la Toscana di via Mabellini, spostando questi uffici negli edifici di corso Gramsci (di proprietà della Regione Toscana) o di via Tripoli (di proprietà dell'ex Provincia di Pistoia). Un'ipotesi che, tra l'altro, consentirebbe di riunire in un unico plesso gli studenti della sede centrale del Petrocchi con quelli della succursale di via Adua. 
Chiediamo alla giunta regionale di intervenire in prima persona, la situazione è grave e le azioni non sono più rinviabili.


QUI DI SEGUITO LA MOZIONE PRESENTATA

OGGETTO: in merito all’Istituto Statale d’Arte “Petrocchi” di Pistoia

IL CONSIGLIO REGIONALE

PRESO ATTO

che tra le sue finalità principali, la Regione Toscana persegue la promozione dell’accesso alla cultura come bisogno individuale e collettivo;
che in questa fase delicata di trasformazione del nostro ordinamento di Governo, con i cambiamenti intercorsi negli enti Provinciali e nelle relative deleghe e competenze, la Regione assume una ruolo chiave per il territorio;
che attualmente, in questa fase di riforme degli Enti locali, non è ad oggi definita, né tanto meno chiara, la situazione di titolarità e di gestione dei tanti beni che qualche tempo fa erano iscritti nel patrimonio delle ex- Province;

CONSIDERATO che

l’Istituto Statale d’arte Petrocchi di Pistoia, locato in Piazzetta San Pietro 4 Pistoia, negli ultimi anni ha subito notevoli disagi legati ad una totale incuria e mancanza da parte degli enti competenti di manutenzione ordinaria ed extraordinaria, ed oggi è evidente l’inadeguatezza della struttura scolastica carente in termini non solo di sicurezza, ma anche in termini sanitari;

CONSIDERATO inoltre che l’Istituto suddetto, a seguito anche di una carenza di spazi, ha dovuto aprire una succursale, locata sempre a Pistoia in via Adua, con gravi disagi logistico organizzativi per gli studenti ed il corpo docente;

VALUTATO che, a quanto abbiamo potuto apprendere, la sede attuale dell’ Ufficio Scolastico regionale per la Toscana in via Mabellini a Pistoia potrebbe rappresentare una valida soluzione per riunire in un unico plesso le sedi dell’ Istituto Petrocchi e garantire agli studenti iscritti e al corpo docente serenità e tranquillità, visti i gravi disagi recentemente in corso;

VISTO che per effettuare lo spostamento della sede dell’ Ufficio Scolastico regionale, ci risulterebbe la disponibilità di edifici di proprietà della Regione Toscana, oppure edifici della stessa ex Provincia di Pistoia (rispettivamente in Corso Gramsci e via Tripoli);

IMPEGNA LA GIUNTA REGIONALE

- ad adoperarsi tempestivamente presso l’Istituto per verificare la situazione di disagio in essere e trovare soluzioni alternative idonee per identificare una nuova sede per l’Istituto stesso, valutando l’ipotesi di utilizzare, vista l’idoneità e lo spazio, l’edificio attualmente occupato dall’Ex Provveditorato regionale agli studi;

Giovanni DONZELLI