mercoledì 29 giugno 2016

Commette illeciti coi soldi pubblici e fa carriera

Oreste Giurlani, dopo ben 13 anni, ha lasciato la presidenza di Uncem Toscana senza chiarire dove ha messo le centinaia migliaia di euro di soldi pubblici di cui gli chiediamo conto ormai da tempo. Invece è stato premiato con la poltrona della vicepresidenza regionale di Anci.

Dunque da oggi l’associazione dei comuni toscani è rappresentata da un personaggio che:

- nel corso del suo mandato ha speso 500 euro al giorno di viaggi di rappresentanza senza spiegare comprando cosa, nonostante abbiamo chiesto in tutti i modi di avere accesso a bilanci trasparenti;

- ha commesso illeciti penali certificati dall’Inps, non pagando ai suoi dipendenti i contributi;

- ha assunto con i soldi del Comune di Pescia, del quale è sindaco, dipendenti che poi ha utilizzato come suoi assistenti personali;

- ha ottenuto finanziamenti pubblici per progetti che non si sa che fine abbiano fatto.

Non pensino Giurlani e l’Uncem di averla fatta franca: Fratelli d’Italia continuerà a denunciare queste schifezze, le sue come quelle di chiunque altro, e a pretendere chiarezza e giustizia.