mercoledì 27 luglio 2016

Cortei dei conti boccia FIDI Toscana: grave allarme e severo richiamo

"Ingenti perdite, gravi preoccupazioni in termini di regolarità, rischi finanziari preoccupanti, prassi contabili non sempre improntate su necessari principi di regolarità e legittimità" parole dure e inequivocabili quelle scritte dalla Corte dei Conti quando si parla delle partecipate della Regione in generale e in particolare della Finanziaria FIDI. 
Oggi è stata presentata  a Firenze nella sede della Corte dei Conti la Relazione al Consiglio Regionale sul Rendiconto generale della Regione Toscana.
Per Fidi si parla di 'perdurante, anzi crescente, difficoltà'. La perdita quest'anno è di 3,5 milioni di Euro ma sarebbe stata di 8,8 milioni se Fidi non avesse contabilizzato un utile per la cessione di attività finanziarie pari a 5,3 milioni. 
Inoltre la Corte dei Conti scrive testualmente 'si può ipotizzare che, se non vi sarà una inversione di tendenza nella gestione, la società potrebbe entrare in una sofferenza in termini di cassa'.

Un quadro allarmante su Fidi quello illustrato dalla Corte dei Conti. La società finanziaria partecipata dalla Regione Toscana è quella che aveva garantito il prestito poi non interamente restituito dalla famiglia Renzi. Pratica che non aveva rispettato il regolamento secondo quanto risposto dalla stessa Giunta Regionale alle mie passate interrogazioni.

Non ha senso tenere in piedi Fidi se deve essere un carrozzone in perdita perenne utile a marchette dei politici e per i politici.