lunedì 19 settembre 2016

CENTRALE 118, INTERROGAZIONE IN REGIONE: BASTA ERRORI NEL SOCCORSO

Cosa dobbiamo aspettare affinché si intervenga per modificare concretamente il funzionamento della Centrale Unica del 118? Per agire dobbiamo aspettare che succedano fatti gravi?
E' quanto chiede Alessandro Amorese, dirigente regionale di Fratelli d'Italia, che annuncia un esposto in Procura sulla vicenda. Per sollecitare un intervento, ho presentato un'interrogazione per chiedere alla Regione di intervenire urgentemente per modificare o migliorare il software. E' necessario provvedere immediatamente, di mezzo c'è la vita delle persone.
Ci chiediamo se sia ritenuto logico e funzionale che spesso debbano partire ambulanze da territori non certo vicini al nostro (e viceversa) per effettuare dei soccorsi, con tutti gli effetti del caso in termini, anche qua, di ritardi, malintesi nell’individuazione delle strade o anche delle zone dove arrivare, problemi e dissidi tra gli stessi componenti del personale delle emergenze. 
Torneremo a chiedere se questo software con i database territoriali non vada cambiato, visti i continui problemi dovuti ad errori nell’indicare la meta del soccorso. Denunciammo già anni fa che questo accorpamento delle centrali operative (adesso unica per due province, comprese le zone grandi e lontane come la Garfagnana) avrebbe potuto recare disagi e problemi seri, che purtroppo sono all’ordine del giorno.

Periodicamente ci viene sottolineato che ambulanze sbaglino non solo strada ma anche quartiere, non solo a causa della dinamica del database ma anche per la poca conoscenza dei territori da parte di chi arriva da fuori provincia o anche comune. E’ normale tutto ciò? 
Facciamo anche un appello ai cittadini a denunciare altri eventuali casi di ritardi, a prescindere dalle conseguenze, che speriamo non essere mai gravi, proprio per aiutarci a sensibilizzare le istituzioni e l’Asl su questa situazione sempre più difficile.


QUI DI SEGUITO IL TESTO DELL'INTERROGAZIONE:


Oggetto: DISAGI CENTRALE UNICA OPERATIVA 118 VERSILIA, MASSA-CARRARA E LUCCA

Il sottoscritto consigliere


Ricordato:

- che in data 1° dicembre 2015 la centrale operativa 118 di Versilia e quella di Massa-Carrara sono state accorpate;

- che in data 19 gennaio 2016 la nuova struttura ha visto completarsi il suo iter con l’accorpamento anche della centrale operativa 118 di Lucca.


Visto:

- che la copertura territoriale è quella delle intere province di Lucca e di Massa-Carrara per una popolazione residente di circa 600.000 abitanti, un’estensione territoriale di 2.960,34 Kmq e un flusso turistico di 4.730.775 presenze.

Considerato:

- che da tempo vengono segnalati disagi a causa della scorretta gestione delle chiamate, degli errori di tragitto delle ambulanze, dei ritardi delle stesse, con conseguenze estremamente dannose in termini di tempo, fondamentale per salvare la vita delle persone che necessitano di soccorso;

- che a ciò si aggiungono i malintesi nell’individuazione delle zone in cui è necessario prestare soccorso, problemi e dissidi tra gli stessi componenti del personale delle emergenze.


Interroga il Presidente della Regione per conoscere:

- in che modo intenda intervenire affinché il software con i database territoriali sia migliorato o modificato, considerati i continui problemi dovuti ad errori nell’indicare la meta del soccorso.Consigliere Giovanni Donzelli