martedì 25 ottobre 2016

Referendum: paghiamo una vacanza a De Mita, D'Alema e Cirino Pomicino, una colletta per no

L'impegno nella campagna referendaria di personaggi come De Mita, Cirino Pomicino e D'Alema danneggiano in maniera evidente il fronte del 'no'. Per questo lanciamo a tutti loro un appello ad andare in vacanza fino al 4 dicembre compreso. Se accetteranno il nostro invito saremo noi a pagare il loro soggiorno.
Dopo il confronto con Zagrebelsky e i continui autogol di D'Alema, ora il premier si appresta al confronto televisivo con Ciriaco De Mita, parlamentare per ben undici legislature, che quando Renzi nasceva era già Ministro della Repubblica. 
Matteo Renzi ha stancato gli italiani e la sua narrazione da rottamatore è invecchiata velocemente con l'esperienza fallimentare del governo: l'unico modo che gli rimane per fingersi ancora fresco è rispolverare qualcuno che ha stancato più di lui. 
Renzi si confronti con qualcuno della sua generazione come Giorgia Meloni se ha qualcosa da dire. 
Il fronte del 'no' è il vero innovatore: noi di Fratelli d'Italia vogliamo il Presidenzialismo e pensiamo che il Senato vada abolito, contro l'arroganza di un governo che sta svendendo l'Italia alle banche e ai poteri forti e riducendo la sovranità popolare. 
Per questo facciamo appello a tutti questi personaggi a farsi da parte per far fallire la riforma Renzi-Boschi e mandare a casa questo governo: se sparite, la vacanza ve la paghiamo noi.