martedì 28 febbraio 2017

Movimento Democratici e Progressisti: Rossi in Toscana resta nel PD, Regione allo sbando

Il Presidente della Regione Enrico Rossi, che ha fondato nei giorni scorsi un nuovo partito, è rimasto iscritto nell'assemblea consiliare al gruppo del Partito democratico. Forse non ha trovato un solo uomo o una sola donna che aderisse al suo nuovo movimento e contribuisse al numero minimo di due consiglieri per formare un nuovo gruppo. Oggi, in apertura della prima seduta del Consiglio regionale dopo la fondazione del Movimento Democratici e Progressisti, ho posto in aula la questione della collocazione di Rossi all'interno dell'assemblea.
La Toscana si trova oggi nella grottesca situazione di avere un Presidente che non solo non fa più parte del partito di maggioranza assoluta, ma è completamente isolato. Rossi e i suoi lasciano così la Regione allo sbando: il Pd e i suoi satelliti o presunti tali tralasciano il governo della Toscana e dei suoi cittadini per le giravolte politiche e personalistiche della sinistra impegnata in scissioni e battaglie congressuali. 
La verità è che Rossi, come molti dei suoi compagni e amici di partito, stanno cercando di assicurarsi il proprio futuro personale in barba ai bisogni dei cittadini, l'opposizione che Fratelli d'Italia rappresenta chiede chiarezza su quali siano le reali intenzioni della maggioranza e si batterà per mandare a casa al più presto chi nega ai cittadini toscani un governo serio e credibile.