venerdì 24 marzo 2017

Lucca: alla Croce Rossa 7000 euro al giorno, verificare utilizzo soldi pubblici

Scriverò al Prefetto di Lucca e chiederò ai nostri parlamentari di verificare tramite il Ministero dell'Interno l'utilizzo del denaro pubblico per la gestione della tendopoli: circa 33 euro al giorno per ogni persona che per i 218 immigrati dichiarati fanno oltre 7.000 euro al giorno che finiscono nelle mani della Croce rossa. Una cifra cifra simile a quella erogata ai soggetti che ospitano immigrati negli alberghi, per accoglierli invece ammassati nelle tende offrendo bagni inadeguati e in pessime condizioni igieniche.
Nel contempo chiederemo anche l'immediata chiusura della struttura.


Tornerò molto presto a verificare se le condizioni siano migliorate, in ogni caso Lucca non può più permettersi una tendopoli di immigrati e un campo rom confinanti a un passo dal centro storico, come ci stimolano ad agire tanti cittadini arrabbiati per la situazione, al di là di ogni bassa polemica sui prossimi appuntamenti elettorali. 
Rispetto la Croce Rossa e la sua neutralità, anche per storia personale familiare, ma non accetto lezioni di moralità da nessuno per il solo fatto di difendere prioritariamente l'interesse dei cittadini italiani. 
Incomprensibile è l'atteggiamento di chi si dimostra completamente inadeguato a gestire la comunicazione, oltre che la tendopoli, secondo il quale avrei dovuto dichiarare il falso per far entrare i giornalisti camuffandoli come miei collaboratori, ammesso che essi stessi lo avrebbero accettato. 
Se qualcuno è portato ad agire provando a raggirare le regole, questo non mi troverà in alcun caso disponibile.